Una recente ricerca Svizzera dimostra che il metodo migliore per la somministrazione dei principi attivi della  cannabis è la vaporizzazione. Questi infatti oltre ad essere direttamente assorbiti dal sangue non vengono contaminati dalle sostanze tossiche che generalmente vengono sprigionate dal processo di combustione.

Un nuovo scenario si apre nel mondo della Cannabis Terapeutica ed è quello che vede la sigaretta elettronica come strumento principale per l’assunzione dei principi attivi della marijuana.

Secondo uno studio condotto al Dipartimento di medicina legale dell’università di Ginevra infatti, il metodo migliore per la somministrazione dei principi attivi della cannabis è “svapare” ovvero l’atto di inalare il vapore generato da una sigaretta elettronica.

La vaporizzazione dei principi attivi della cannabis infatti consente all’organismo di assumere direttamente le sostanze senza una contaminazione – che nei metodi tradizionali è data dall’utilizzo di cartine e tabacco o comunque dagli effetti della combustione della cannabis.

Svapare per assumere la cannabis – secondo questa ricerca – è la metodologia più efficiente, superiore anche alla somministrazione di pillole a base di cannabinoidi , questo perchè nel primo caso il principio attivo viene assorbito dal palato ed affluisce direttamente nel sangue, mentre nel secondo le pillole interagiscono con l’organismo a livello gastrico.

Il Professor Varlet – a capo della ricerca – ha spiegato che:

“a parità di concentrazione di Thc occorrono 100 aspirazioni di sigaretta elettronica per avere l’equivalente di uno spinello. Ma con una implicazione per l’organismo molto differente. La vaporizzazione trasporta la sostanza attiva in maniera diretta mentre la combustione, oltre a disperderla anche nell’ aria, la inquina con le tossicità di cartina e tabacco”

Lo studio condotto dal Professor Varlet potrebbe dare una spinta molto interessante per i pro-cannabis rispetto a chi è contro la legalizzazione, questo perchè uno dei  temi utilizzati a sfavore della cannabis è il danno che essa provoca mediante la sua combustione che nel caso dello svapo è totalmente assente.

Leggi nuove storie del mondo della Cannabis. Segui Haze.Academy su Facebook! Ci trovi anche su Instagram & Twitter se preferisci!