cannabis in cucina

La canapa non è solo un alimento per vegetariani e vegani: grazie alle sue incredibili proprietà dovrebbe essere utilizzata da tutte le persone che hanno a cuore la propria salute.

 

Fino a pochi anni fa parlare di cannabis in cucina era un argomento di discussione molto delicato, questo a causa della scarsa informazione  e dell’alone di pregiudizio che si è andato a creare intorno a questo ingrediente. Oggi che l’era oscurantista sembra volgere al termine  l’ombra del pregiudizio sulla cannabis sembra scomparire, lasciando spazio alle incredibili qualità di questa pianta, che anche in cucina ha da offrire le sue potenzialità, sia in termini di gusto che di beneficio per la salute. Nei paesi dove la cannabis è legale il boom del suo utilizzo in cucina ha fatto nascere anche nuove professioni lavorative, come il sommelier della cannabis, una figura specializzata in grado di abbinare varie tipologie di marijuana con i piatto che più le si addicono. Anche se nel nostro paese non siamo ancora arrivati a questa apertura mentale, possiamo comunque fare uso di canapa per la preparazione delle nostre pietanze.

L’olio di canapa e i suoi semi sono capaci di proteggere l’organismo in modo sorprendente: grazie ad un ottima concentrazione di grassi omega 3 e 6 di qualità, capacità antinfiammatorie e alla preziosa presenza di tutti gli aminoacidi essenziali, l’olio di semi di cannabis e la farina di canapa sono considerati un “vaccino nutrizionale” che, se assunto quotidianamente, rinforza e regola sensibilmente la risposta del sistema immunitario, del sistema ormonale e del sistema nervoso.

Il grande vantaggio dei prodotti alimentari a base di cannabis risiede proprio nella presenza di omega 6 e 3, acidi grassi essenziali in grado di trattare e curare le malattie ad oggi più diffuse: colesterolo, trigliceridi, diabete, artrite, artrosi, asma, psoriasi ed eczema atopico, lupus, malattie autoimmuni in genere, depressione.

Appare del tutto evidente che integrare la cannabis nella nostra alimentazione è prima di tutto una scelta salutare: le incredibili proprietà di questa pianta sono ormai sotto gli occhi di tutti. Vediamo insieme i sette motivi per cui la canapa dovrebbe essere sulle tavole di tutti gli italiani.

#1MALATTIE CARDIOVASCOLARI

I prodotti alimentari a base di cannabis sono in grado di ridurre e prevenire l’arteriosclerosi e altre malattie cardiovascolari. Questo perchè la canapa è in grado di mantenere elastici i basi sanguigni ed evitare l’accumulo di grasso nelle arterie.

#2 COLESTEROLO

Un paio di cucchiai al giorno di olio di semi di cannabis sono in grado di abbassare rapidamente il colesterolo LDL  e i trigliceridi, questo riduce sensibilmente anche il rischio di trombosi.

#3 PROBLEMI NEUROLOGICI

La cannabis e i suoi prodotti derivati sono in grado addirittura di migliorare i problemi di apprendimento, i deficit della memoria, le difficoltà di concentrazione e la mancanza di attenzione. Risultano inoltre essere particolarmente efficaci nel combattere la depressione cronica e la depressione post-parto, questo per via della loro capacità di regolare il sistema ormonale.

#4 MALATTIE OSEE E INFIAMMAZIONI

La canapa è sempre più utilizzata per combattere l’artrosi e l’artite reumatoinde. Grazie alle sue proprietà è inoltre in grado di trattare altre malattie infiammatorie come l’infezione della vescica, la colite, il colon irritabile e la malattia di Crohn.

#5 SINDROMI GINECOLOGICHE

Il periodo che vi avvicina al ciclo mestruale per voi è un vero e proprio tormento? Con la cannabis potrete trovare un sicuro alleato per alleviare la vostra sindrome premestruale. Inoltre la canapa è un ottimo alleato anche durante la menopausa e combatte l’osteoporosi.

#6 PROBLEMI ALLE VIE RESPIRATORIE

Se l’asma e le affezioni respiratorie non vi fanno stare tranquilli, allora la canapa diventa un alimento imprescindibile all’interno della vostra dieta. L’olio di cannabis è infatti sempre più utilizzato nella cura di queste problematiche.

#7 MALATTIE DELLA PELLE

Psoriasi, vitiligine, eczemi, micosi, irritazioni derivanti da allergie, dermatiti, acne e tutte le infiammazioni o irritazioni localizzate possono essere trattate con gli alimenti a base di cannabis. L’olio di cannabis può anche essere applicato localmente per ottenere effetti potenziati. La canapa inoltre è molto utile per la cura dei funghi delle unghie e contro il prurito.

La cannabis offre un ampissimo spettro di possibilità e aggiungerla all’interno della vostra dieta quotidiana potrebbe rivelarsi una soluzione vincente.

 

Vuoi essere sempre aggiornato sul mondo della cannabis culture? Segui Haze.Academy, la community degli appassionati di marijuana. Puoi trovarci su Facebook | Instagram |Twitter