Cannabis legale, stravolta la legge: La proposta del PD riguarda solo la marijuana terapeutica.

0
1757
intergruppo cannabis legale

Giunta oggi al comitato ristretto la proposta del PD sul DDL Cannabis legale. La legge ne esce totalmente rivoluzionata e riguarda la sola Cannabis ad uso terapeutico, abolita anche l’autoproduzione per i pazienti.

Il giorno tanto atteso alla fine è arrivato. Oggi il Partito Democratico ha presentato al comitato ristretto – riunito per discutere le modifiche al ddl cannabis legale – la sua proposta per quanto riguarda la regolamentazione della marijuana, e i risultati sono assolutamente deludenti.

Il Disegno di legge – presentato due anni fa dall’intergruppo Cannabis Legale – è stato totalmente rivoluzionato dal PD, trasformandosi di fatto in una legge per regolamentare l’uso medico della cannabis. Ne ha dato annuncio l’On. Daniele Farina con un post sul suo profilo Facebook: “ La proposta del Partito Democratico presentata oggi nel comitato ristretto istituito presso le commissioni Giustizia e Affari sociali della Camera è profondamente deludente”, scrive. “Nello specifico la proposta non comprende neppure la coltivazione per uso personale che è la principale richiesta avanzata dai singoli pazienti e dalle associazioni. Se l’intento del Pd è di carattere meramente elettorale mi sembra che la toppa sia peggiore del buco” , prosegue Farina.

La proposta del PD ha lo scopo di “assicurare una qualità standardizzata della cannabis per uso terapeutico”, confermando che l’unico ente in grado di poter produrre e distribuire i prodotti derivati dalla stessa sarà lo Stabilimento Chimico Farmaceutico Militare di Firenze, salvo nel caso in cui lo stesso non sia in grado di soddisfare l’intera domanda ( e sicuramente sarà cosi ndr), in quel caso verranno rilasciate autorizzazioni speciali per la produzione, che tuttavia dovrà essere inviata allo stabilimento, unico ad occuparsi del canale di distribuzione alle farmacie.

A queste condizioni possiamo dire che il DDL Cannabis legale è stato soppresso. Una legge all’avanguardia e ben strutturata è stata completamente rivoluzionata e infine distrutta. La proposta del PD infatti non risolve alcun problema che il DDL proponeva di risolvere: Regolamentazione del mercato della cannabis, lotta alla criminalità organizzata, campagne di sensibilizzazione contro il consumo minorile.

Due anni di lotte da parte di associazioni, attivisti e parlamentari dell’integruppo rischiano seriamente di risolversi in un nulla di fatto, e la criminalità organizzata – ancora una volta – ringrazia.

Hai trovato interessante questa notizia? Rimani sempre aggiornato sul mondo della cannabis culture! Segui Haze.Academy, la community degli appassionati di marijuana. Puoi trovarci su Facebook | Instagram | Twitter